Il settore dei trasporti è uno degli ambiti lavorativi più soggetti a rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, sia a causa degli incidenti stradali che possono verificarsi durante le attività di guida, sia a causa dell’esposizione alle vibrazioni provenienti dai veicoli. Secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 81/08 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, le imprese operanti nel settore dei trasporti sono tenute ad adottare tutte le misure necessarie per garantire un ambiente di lavoro sicuro e salubre. In particolare, l’articolo 41 del D.lgs 81/08 prevede l’obbligo delle visite mediche periodiche da parte del medico competente per valutare i rischi specifici legati all’esposizione alle vibrazioni. Le vibrazioni possono essere classificate in due categorie principali: quelle generate dalla trasmissione meccanica al corpo umano (vibrazioni mano-braccio) e quelle che coinvolgono l’intero corpo (vibrazioni corpo intero). Le prime sono tipiche delle attività che richiedono l’utilizzo di macchinari o strumentazioni vibranti come martelli pneumatici, seghe circolari o trapani; le seconde si verificano invece principalmente durante la guida di mezzi pesanti come camion, autobus o treni. L’esposizione prolungata alle vibrazioni può causare danni alla salute dei lavoratori, tra cui problemi muscolo-scheletrici come sindrome del tunnel carpale, tendiniti o lesioni ai dischi spinali. Per questo motivo è fondamentale che le imprese dei trasporti effettuino una corretta valutazione del rischio da vibrazioni e adottino tutte le misure necessarie per ridurne gli effetti negativi sulla salute dei dipendenti. Le visite mediche obbligatorie condotte dal medico competente devono prevedere anche specifiche analisi e test volti a valutare eventuali danneggiamenti causati dalle vibrazioni sui sistemi muscolo-scheletrico e nervoso. In base ai risultati ottenuti durante queste visite, il medico competente potrà formulare indicazioni preventive ed eventualmente prescrivere interventi correttivi per proteggere la salute dei lavoratori espost In conclusione, la medicina del lavoro riveste un ruolo fondamentale nel settore dei trasportiesercitando una funzione preventiva essenziale nella tutela della salute e sicurezza sul lavoro. La corretta gestione del rischio da vibrazionie l’adozione delle opportune misure preventive consentiranno alle imprese deitra sportidi garantire un ambiente di lavoro sicuro ed efficiente per tutti i dipendenti.